Lampassi

Un tessuto sontuoso e pregiato, i cui grandiosi disegni e trame in oro e argento farebbero pensare all’arte barocca: il lampasso, in realtà, ha conosciuto il suo più grande successo nel XVI secolo, ma le sue origini risalgono ad un’epoca ancora più antica, il X secolo.

La sua complessa struttura richiede due sistemi di ordito, uno di fondo e uno di legatura, e almeno due serie di trame. Queste strutture creano un effetto tridimensionale nei disegni e si prestano molto bene a incorporare fili metallici decorativi, in oro o argento, per impreziosire il tessuto.

Il disegno, che generalmente non è a rilievo, risalta netto dal fondo la cui armatura è solitamente in raso o taffetà.

Oggi è utilizzato principalmente nell’arredamento, per tappezzerie, tendaggi, parati di lusso e paramenti ecclesiastici.

I disegni dei lampassi Bevilacqua

I lampassi Bevilacqua che potete vedere qui sopra sono caratterizzati da disegni di epoche ed ispirazioni diverse: dai più classici, come il Melograno e il Broccato, con elementi rinascimentali, a quelli contemporanei, come Walls, ispirato al Madison Belmont Building di New York, un edificio in stile Déco.

Alcuni di questi tessuti sono invece stati disegnati da un’artista svedese degli anni Venti, Maja Sjöstrom, che ha creato Three Crowns.

Le origini del lampasso

Il lampasso, conosciuto fin dal X secolo, è un prezioso tessuto operato. Il suo nome, derivante dal francese lampas, potrebbe trarre in inganno, perché le sue origini sono in realtà orientali.

Precursore del broccato e con caratteristiche che ricordano il damasco, questo tessuto in seta ebbe grande diffusione a partire dal Rinascimento e per tutto il Barocco (sono famosi ancora oggi, infatti, i prodotti dei setifici di Lione risalenti al XVIII secolo).

Verso la metà del ‘500 comparve la tendenza a differenziare i tessuti d’arredo da quelli per abbigliamento e il lampasso venne destinato prevalentemente a quest’ultimo uso, con disegni ispirati a motivi rinascimentali ma in dimensioni ridotte.

 

per maggiori informazioni

Privacy