Uno stile in cui i fiori sono un elemento talmente predominante da fargli acquistare la denominazione di “stile floreale” in Italia. A cavallo tra due secoli e sconfitto dalla Prima Guerra Mondiale, lo stile Liberty è il primo tentativo di creare uno stile moderno. Anche nei tessuti.

Che cos’è lo stile Liberty

Nato in Francia come art nouveau verso il 1890, si diffonde in tutta Europa e negli Stati Uniti, in particolare, grazie all’Esposizione Universale di Parigi del 1900. In Italia, lo “stile Liberty” deve il suo nome a Arthur Lasenby Liberty, che nel 1875 aprì a Londra i magazzini Liberty & Co., dove vendere prima stoffe importate dall’Oriente, e poi i propri tipi di tessuti in seta, con trame art nouveau.

Art nouveau poster | Tessitura Bevilacqua

Un manifesto pubblicitario in stile Liberty

Ma quali sono le caratteristiche dell’art nouveau? Dal movimento Arts and Crafts, gli esponenti dell’art nouveau riprendono il desiderio di salvare la bellezza di arte e artigianato dall’omologazione della produzione in serie industriale. Per farlo, un nuovo gusto estetico viene applicato ad architettura, design d’interni, mobili, lavorazione di vetro, ceramica e metalli, ma anche alla grafica di libri, giornali e manifesti e alle trame dei tessuti.

Tutte queste manifestazioni dell’arte hanno in comune un nuovo stile decorativo, caratterizzato da forme stilizzate e con protagonisti frutta, anfore, corone d’alloro, uccelli… e fiori.

I fiori nell’art nouveau

Lo stile Liberty s’ispira, perciò, soprattutto alla natura, rappresentando i suoi elementi attraverso linee ondulate. I colori sono tenui e predominano le tinte pastello, in particolare bianco, blu pavone, lilla, marrone, mostarda, verde oliva e verde salvia. Anche i fiori sono ondulati, con linee curve pronunciate e steli trasformati in viticci, come nel velluto a mano “Liberty” 051-3161.

Le rappresentazioni dei fiori – ma anche di tutti gli altri elementi naturali – sono, da un lato, esagerati nelle loro dimensioni e, dall’altro, semplificati. I petali, ad esempio, non sono disegnati uno ad uno, ma piuttosto ridotti ad una forma base ripetuta più volte. La semplificazione è accentuata dalla bidimensionalità delle figure, spesso con poche o nessuna ombra e delimitate da nette linee di contorno. Confondendo, così, la linea tra belle arti e illustrazioni.

Subscribe To Our Newsletter

Subscribe To Our Newsletter

Join our mailing list to receive the latest news and updates from Tessitura Bevilacqua Venezia.

You have Successfully Subscribed!